Cosa fare a Pasqua?

Dopo gli eventi e le feste di Natale e Capodanno, la Pasqua è considerata la seconda festa più importante in Italia, ed è tenuta in un modo molto più religioso che in molte altre nazioni occidentali. L’Italia è infatti un paese cattolico, con solo circa il cinque per cento della popolazione appartenente ad altre confessioni cristiane e tre per cento per le fedi non cristiane. Il resto sono “laici”, ma spesso, ancora “culturalmente cattolici”.

Il tempo pasquale in Italia ha una lunga storia. In primo luogo, vi è il “Carnevale” (martedì grasso) a partire da Gennaio e che dura fino alla Quaresima e inizia il Mercoledì delle Ceneri.

Durante l’ultima settimana prima di Pasqua, la Settimana Santa, ci sono messe speciali e feste particolari in tutta Italia per la Domenica delle Palme, Giovedì Santo, Venerdì Santo, Sabato Santo, e, infine, Domenica di Pasqua. Poi c’è il Lunedì di Pasqua, “La Pasquetta,” che è anche un giorno festivo in Italia, anche se non di significato religioso.

All’interno della fede cattolica, la Pasqua è spesso considerata come più significativo del Natale. Oltre l’ottanta per cento degli italiani si dichiarano cattolici. Domenica di Pasqua, o Pasqua, è un giorno di sfilate, servizi di chiesa di festa e di uova di cioccolato naturalmente. Secondo le “passeggiate d’Italia” in Italia la maggior parte dei musei e monumenti saranno aperti la Domenica di Pasqua e Lunedì, ma molti negozi e ristoranti saranno chiusi. Anche durante la Settimana Santa, ci sono numerose processioni solenni e gli eventi culturali che hanno luogo in tutto il paese.

Se decidi di trascorrere Pasqua fuori dalla tua città e di girare l’Italia, hai diverse opzioni.

Puoi decidere di vedere una qualsiasi delle varie processioni del Venerdì Santo. A Enna, Sicilia, migliaia di monaci in antico abito camminano per le strade, mentre a Trapani la processione dura tutto il giorno. A Chieti, a nord est di Roma, vicino al Mar Adriatico, il corteo comprende 100 violini.

Anche nel Centro Italia ci sono centinaia di eventi del Venerdì Santo con le processioni e le stazioni della Via Crucis e fiaccolate che sono una parte di queste celebrazioni.

A Firenze puoi vedere lo “Scoppio del Carro”, un “evento pasquale” che coinvolge buoi bianchi che tirano un carro decorato riccamente attraverso la città fino alla Basilica di Santa Maria del Fiore. Il carro è pieno di fuochi d’artificio ed è fatto saltare in aria da un razzo acceso dall’arcivescovo locale proprio dopo la messa. Poi c’è la sfilata in cui i partecipanti si vestono in abiti medievali.

Si può poi vedere l’evento “La Madonna che scappa” di Sulmona. Lì, ognuno si veste di verde e bianco e va in piazza per vedere una Madonna vestita di nero che appare improvvisamente nel verde dopo la drammatica liberazione di colombe dalla fontana pubblica locale. C’è anche la musica e tutta festa intorno.

L’Italia è un luogo molto popolare per trascorrere la Pasqua, e quindi i viaggiatori dovrebbero prenotare per tempo e fare piani di viaggio dettagliati con largo anticipo.

Al di là delle vicende religiose, puoi anche optare, sfruttando il tempo mite italiano del periodo di aprile, per una gita fuori porta in Toscana o anche in Puglia, dove è possibile deliziarsi con carne, pesce e splendidi vini in città ricche di storia e cultura millenaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *